Cerca nel blog

Caricamento in corso...

venerdì 18 marzo 2016

Consumo di probiotici e pressione arteriosa.






Effetto dei probiotici sulla pressione del sangue: una revisione sistemica e una meta-analisi.


La presente meta-analisi suggerisce che consumare probiotici può migliorare la pressione 

sanguigna  di  grado moderato con potenziale  effetto maggiore quando  la 

pressione sanguigna  elevata è la minima.

Più specie di probiotici dovrebbero essere  consumati, la durata dell'intervento dovrebbe

 essere maggiore di 8 settimane e la dose giornaliera  ≥ 10 (11) unità formanti colonie.


giovedì 17 marzo 2016

La bibita che migliora la resistenza aerobica e la performance anaerobica ?

Gli effetti di Red Bull Energy Drink, che comprende la taurina, glucuronolattone, e caffeina tra gli ingredienti, sono stati esaminati in 3 studi in un totale di 36 volontari. 

Le valutazioni comprendevano performance psicomotoria (tempo di reazione, la concentrazione, la memoria), la vigilanza soggettiva e la resistenza fisica. 

Quando confrontato con le bevande di controllo, la Red Bull Energy Drink ha mostrato miglioramenti significativi della  (p <0,05)  resistenza aerobica (mantenendo 65-75% max. Frequenza cardiaca) e la performance anaerobica (mantenendo max. Velocità) su cicloergometri.

Significativi miglioramenti nelle prestazioni mentali inclusi i tempi di reazione nella scelta scelta multipla, concentrazione  e nella memoria che rifletteva un  aumentato la vigilanza soggettiva. 
Questi miglioramenti riflettono gli effetti della combinazione di ingredienti.

martedì 15 marzo 2016

L'allenamento della forza è associata ad una diminuzione della mortalità? Uno studio di di 15 anni su una popolazione di anziani negli Stati Uniti.







Il rapporto fra l'allenamento della forza e la mortalità rimane poco studiato in grandi campioni di popolazione. 
Studi su campioni limitati hanno osservato che una maggiore quantità di forza ad una diminuzione dei rischio di morte.

Lo studio è stato fatto fatto su una popolazione con più di 65 anni.


I risultati indicano che l'allenamento della forza è associato in maniera significativa con la diminuzione della mortalità in generale. Tutte le cause di mortalità potrebbero essere significativamente ridotte con programmi di allenamento alla forza.




lunedì 14 marzo 2016

Probiotici e dermatite atopica nei bambini



I probiotici sono microrganismi vivi che influiscono beneficamente l ospite quando somministrati in quantità adeguata. Hanno un eccellente profilo di sicurezza. Probiotici sono stati utilizzati come immunomodulatori in condizioni infiammatorie della pelle, come la dermatite atopica.
Sono stati scelti ~70 studi contenenti questi criteri e selezionati 42 in cui i probiotici sono stati utilizzati per scopi dermatologici.
Risultati:
Abbiamo trovato prove sufficienti per raccomandare l'uso di probiotici in condizioni specifiche nella pratica dermatologia, specialmente nei bambini con dermatite atopica.

giovedì 3 marzo 2016

Il vino rosso può aiutare a prevenire la malattia coronarica.





Prove statistiche evidenziano una riduzione della malattia coronarica in zone ad elevato consumo di vino rosso. Questo ha portato alla diffusa convinzione che il vino offre un effetto protettivo Bere una quantità moderata di alcol aiuta a ridurre l'incidenza di malattia coronarica tuttavia non vi è alcuna chiara evidenza che il vino rosso conferisce un ulteriori vantaggi.
Qui mostriamo che i vini rossi inibiscono fortemente la sintesi di endotelina-1, un peptide vasoattivo che è essenziale per lo sviluppo di aterosclerosi coronarica.
I nostri risultati indicano che i componenti specifici per il vino rosso possono aiutare a prevenire la malattia coronarica.

domenica 28 febbraio 2016

L'esercizio fisico sopprime la crescita tumorale.




Studi epidemiologici documentano che l'esercizio fisico regolare protegge contro lo sviluppo di alcuni tumori e riduce il rischio di recidiva della malattia ( Brown et al. 2012 , Christensen et al. 2014 ), 
L'esercizio fisico può anche sopprimere direttamente la crescita del tumore, come suggerito da una diminuzione del rischio di recidiva della malattia in pazienti affetti da cancro fisicamente attive ( Ballard-Barbash et al. 2012 ).
Poco si sa circa i meccanismi alla base di questa protezione, ma i cambiamenti indotti dall' esercizio migliorano la composizione corporea, livelli di ormoni sessuali, infiammazione sistemica, e la funzione delle cellule immunitarie, questi fattori  sono stati suggeriti come possibili mediatori degli effetti positivi dell'esercizio( McTiernan, 2008 ).
Le cellule del sistema immunitario giocano un doppio ruolo nel cancro. Il sistema immunitario ha una potente capacità di combattere il cancro, ma l'infiammazione cronica è stata anche legata alla tumorigenesi in diverse condizioni ( Vivier et al. 2012 , Imai et al., 2000 , Grivennikov et al., 2010. 
In conclusione,l'esercizio nei topi inibisce l'insorgenza e la progressione del tumore in una vasta gamma di modelli tumorali e sedi anatomiche. 
Questo avviene attraverso una regolamentazione diretta del traffico delle cellule NK, che coinvolge una mobilitazione adrenalina-dipendente delle cellule NK stesse.

link all'articlolo

LA CONOSCENZA RENDE LIBERI 

CONDIVIDI

venerdì 26 febbraio 2016

Consumo di frutta e verdura e motalità, un'analisi dose-risposta


 L'associazione tra il consumo di frutta e verdura (FV) e la mortalità complessiva è stata raramente studiata in grandi studi di coorte. I risultati dei pochi studi disponibili sono incoerenti.
Obiettivo: L'obiettivo era quello di esaminare la relazione dose-risposta tra il consumo di FV e la mortalità, sia in termini di tempo e di frequenza, in una vasta coorte prospettica di uomini e donne svedesi.
Conclusione: il consumo di FV <5 porzioni giorno è associata con graduale diminuzione della sopravvivenza e tassi di mortalità più elevati. 
Quindi: Coloro che hanno assunto 5 Porzioni di Frutta e Verdura al giorno sono sopravvissuti 3 anni di più, con un Tasso di Mortalità Bassissimo.
Al contrario, coloro che hanno assunto meno di 5 Porzioni al giorno (Five/for/Day) hanno registrato una Sopravvivenza Progressivamente più Breve e Tassi di Mortalità più Elevati.

Il latte che uccide ? Assunzione di latte e rischio di mortalità e fratture in uomini e donne: studi di coorte

Assunzione di latte e rischio di mortalità e fratture in uomini e donne: studi di coorte




Obiettivo Esaminare se un elevato consumo di latte è associata a mortalità e fratture in uomini e donne.

I partecipanti a due grandi coorti di svedesi è stato somministrato un questionari di frequenza alimentare.  61 433 donne (39-74 anni 1987-1990) e  45 339 uomini (45-79 anni 1997), sono stati somministrati. Le donne hanno risposto a un secondo questionario di frequenza alimentare nel 1997.


Conclusioni:
l' assunzione di latte era associata ad una più alta mortalità in una coorte di donne e in un'altra coorte di uomini, con maggiore incidenza di fratture nelle donne.
Dati i disegni dello studio osservazionale con la possibilità intrinseca di confondimento e fenomeni nesso di causalità, si consiglia cautela nell'interpretazione dei risultati.

lunedì 8 febbraio 2016

Restrizione calorica ed invecchiamento

 


Analizzando attentamente i dati che documentano la prevalenza di centenari sull'isola di Okinawa (Giappone). le calorie totali consumate dagli scolari di Okinawa erano solo il 62% della "dose raccomandata" per il Giappone nel suo complesso. Per gli adulti il totale dell'assunzione di proteine ​​e lipidi era circa lo stesso, ma l'assunzione di calorie è stata del 20% in meno rispetto alla media nazionale giapponese. I tassi di morte per malattia vascolare
I tassi di mortalità per malattia vascolare cerebrale, tumori maligni, e la malattia legate al cuore a Okinawa erano il 59%, 69% e 59%, rispettivamente, di quelli per il resto del Giappone.


Siblings of Okinawan Centenarians Share Lifelong Mortality AdvantagesJ Gerontol A Biol Sci Med Sci 2006 61: 345-354

lunedì 1 febbraio 2016

World Allergy Organization-McMaster Linee Guida prevenzione delle malattie allergiche (GLAD-P): Probiotici






Il Microbiota intestinale può modulare le risposte sistemiche immunologiche ed infiammatorie quindi influenza lo sviluppo della sensibilizzazione e dell'allergia. 
I probiotici sono stati segnalati come possibili modulatori della risposta immunitaria e la loro integrazione è stata proposto come un intervento preventivo.

Prevalenza delle malattie allergiche nei bambini i cui genitori e fratelli non hanno allergia, è pari a circa il 10% e raggiunge il 20-30% in quelli con un parente allergico di primo grado. 
Il microbiota intestinale può modulare le risposte sistemiche immunologiche ed infiammatorie e quindi influenza lo sviluppo della sensibilizzazione e allergia.
I probiotici sono stati segnalati come possibili modulatori  della risposta immunitaria e la loro integrazione è stata proposto come un intervento preventivo.

Risultati


Attualmente le evidenze disponibili non indicano che la supplementazione di probiotici riduce il rischio di sviluppare allergie nei bambini. 
Tuttavia, considerando tutti gli esiti critici in questo contesto, il pannello guida WAO dice che non esiste un beneficio netto probabile nell' usare i probiotici  principalmente nella prevenzione di eczema. 
Il pannello di guida WAO suggerisce: a)  probiotici nelle donne in gravidanza ad alto rischio di avere un bambino allergico; b) utilizzando i probiotici nelle donne che allattano i bambini ad alto rischio di sviluppare allergie; e c) utilizzare i probiotici in bambini ad alto rischio di sviluppare allergie. 
Tutte le raccomandazioni sono condizionale e supportatate da evidenze di qualità molto bassa.

Probiotici, prebiotici, immunomodulazione mucose intestinali e difese: Omeostasi e Immunopatologia




L'assunzione regolare di microrganismi benefici, o probiotici, è un approccio ampiamente studiato per attingere ai benefici per la salute elargiti da microrganismi commensali che colonizzano il tratto gastrointestinale dell'ospite umano sano. 
I ceppi probiotici utilizzati per il consumo umano devono essere di origine umana, non patogeni e sopravvivere transito gastrointestinale, al fine di conferire benefici per la salute
Grazie al proprio profilo non patogeno lattobacilli e bifidobatteri sono le specie  significativamente più comunemente utilizzati che influenzano la salute umana attraverso una serie di effetti che includono; detossificazione degli xenobiotici la biosintesi della vitamina K effetti metabolici della fermentazione di fibra alimentare non digeribile influenza positiva sul transito del contenuto luminale da peristalsi la concorrenza con microbi patogeni per le sostanze nutritive e siti di legame con le cellule epiteliali della mucosa e la modulazione della risposta immunitaria dell'ospite.

 Link all'articolo completo

venerdì 25 dicembre 2015



Cancro. Studio su Nature: “Fattori dello stile di vita contribuiscono per l’80% alla malattia"


Questo studio sembra andare in direzione opposta ripetto quello pubblicato da Tomasetti di poco tempo fa.


lunedì 27 luglio 2015

Privacy

Informativa Privacy (art.13 D.Lgs. 196/2003): i dati che i partecipanti al Blog conferiscono all’atto della loro iscrizione sono limitati all’ indirizzo e-mail e sono obbligatori al fine di ricevere via e-mail la notifica di pubblicazione di un post.
Fra le finalità del trattamento dei dati conferiti dovranno intendersi comprese quelle della promozione di iniziative commerciali e pubblicitarie rispetto alle quali si avrà comunque, ed ogni volta, la possibilità di opporsi, chiedendo la cancellazione dell’indirizzo di posta dall’elenco di quelli cui vengono indirizzati i predetti messaggi.
Per poter postare un commento invece, oltre all’email, è richiesto l’inserimento di nome e cognome. Nome e cognome vengono pubblicati – e, quindi, diffusi – sul Web unitamente al commento postato dall’utente, l’indirizzo e-mail viene utilizzato esclusivamente per l’invio delle news del sito. Le opinioni ed i commenti postati dagli utenti e le informazioni e dati in esso contenuti non saranno destinati ad altro scopo che alla loro pubblicazione sul Blog; in particolare, non ne è prevista l’aggregazione o selezione in specifiche banche dati. Eventuali trattamenti a fini statistici che in futuro possa essere intenzione del sito eseguire saranno condotti esclusivamente su base anonima. Mentre la diffusione dei dati anagrafici dell’utente e di quelli rilevabili dai commenti postati deve intendersi direttamente attribuita alla iniziativa dell’utente medesimo, garantiamo che nessuna altra ipotesi di trasmissione o diffusione degli stessi è, dunque, prevista. In ogni caso, l’utente ha in ogni momento la possibilità di esercitare i diritti di cui all’art. 7 del D.Lgs. 196/2003:
Art. 7 – (Diritto di accesso ai dati personali ed altri diritti)
1. L’interessato ha diritto di ottenere la conferma dell’esistenza o meno di dati personali che lo riguardano, anche se non ancora registrati, e la loro comunicazione in forma intelligibile.
2. L’interessato ha diritto di ottenere l’indicazione:
a) dell’origine dei dati personali;
b) delle finalità e modalità del trattamento;
c) della logica applicata in caso di trattamento effettuato con l’ausilio di strumenti elettronici;
d) degli estremi identificativi del titolare, dei responsabili e del rappresentante designato ai sensi dell’articolo 5 comma 2;
e) dei soggetti o delle categorie di soggetti ai quali i dati personali possono essere comunicati o che possono venirne a conoscenza in qualità di rappresentante designato nel territorio dello Stato, di responsabili o incaricati.
3. L’interessato ha diritto di ottenere:
a) l’aggiornamento, la rettificazione ovvero, quando vi ha interesse, l’integrazione dei dati;
b) la cancellazione, la trasformazione in forma anonima o il blocco dei dati trattati in violazione di legge, compresi quelli di cui non è necessaria la conservazione in relazione agli scopi per i quali i dati sono stati raccolti o successivamente trattati;
c) l’attestazione che le operazioni di cui alle lettere a) e b) sono state portate a conoscenza, anche per quanto riguarda il loro contenuto, di coloro ai quali i dati sono stati comunicati o diffusi, eccettuato il caso in cui tale adempimento si rivela impossibile o comporta un impiego di mezzi manifestamente sproporzionato rispetto al diritto tutelato.
4. L’interessato ha diritto di opporsi, in tutto o in parte:
a) per motivi legittimi al trattamento dei dati personali che lo riguardano, ancorché pertinenti allo scopo della raccolta;
b) al trattamento di dati personali che lo riguardano a fini di invio di materiale pubblicitario o di vendita diretta o per il compimento di ricerche di mercato o di comunicazione commerciale.
Cookie Policy
La presente Cookie Policy costituisce parte integrante dell’Informativa privacy soprastante.
L’utente può esprimere il proprio consenso all’utilizzo dei cookie proseguendo la navigazione sui Siti, ovvero compiendo un’azione di scorrimento, cliccando su uno dei link interni delle pagine dei Siti, oppure cliccando sul tasto “x” o comunque di chiusura del banner dell’informativa breve visibile ad ogni primo accesso sui Siti, come previsto dal provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali (n. 229 dell’8 maggio 2014).
I cookie sono costituiti da porzioni di codice (file informatici o dati parziali) inviate da un server al browser Internet dell’utente, da detto browser memorizzati automaticamente sul computer dell’utente e rinviati automaticamente al server ad ogni occorrenza o successivo accesso al sito. Solitamente un cookie contiene il nome del sito internet dal quale il cookie stesso proviene, la durata vitale del cookie (ovvero per quanto tempo rimarrà sul dispositivo dell’utente) ed un valore, che di regola è un numero unico generato in modo casuale. Ad ogni visita successiva i cookie sono rinviati al sito web che li ha originati (cookie di prime parti) o a un altro sito che li riconosce (cookie di terze parti). I cookie sono utili perché consentono a un sito web di riconoscere il dispositivo dell’utente e hanno diverse finalità come, per esempio, consentire di navigare efficientemente tra le pagine, ricordare i siti preferiti e, in generale, migliorare l’esperienza di navigazione. Contribuiscono anche a garantire che i contenuti pubblicitari visualizzati online siano più mirati ad un utente e ai suoi interessi.
Se l’utente decide di disabilitare i cookie, ciò potrebbe influenzare e/o limitare la sua esperienza di navigazione all’interno dei Siti, per esempio potrebbe non essere in grado di visitare determinate sezioni di un Sito o potrebbe non ricevere informazioni personalizzate quando visita i Siti.
Le modalità di funzionamento nonché le opzioni per limitare o bloccare i cookie, possono essere regolate modificando le impostazioni del proprio browser internet. La maggioranza dei browser internet sono inizialmente impostati per accettare i cookie in modo automatico, l’utente può tuttavia modificare queste impostazioni per bloccare i cookie o per essere avvertito ogniqualvolta dei cookie vengano inviati al suo dispositivo. Esistono diversi modi per gestire i cookie, a tal fine occorre fare riferimento alla schermata di aiuto del proprio browser per verificare come regolare o modificare le impostazioni dello stesso. L’utente è abilitato, infatti, a modificare la configurazione predefinita e disabilitare i cookie (cioè bloccarli in via definitiva), impostando il livello di protezione più elevato.
Qui sotto il percorso da seguire per gestire i cookie dai seguenti browser:
Se l’utente usa dispositivi diversi tra loro per visualizzare e accedere ai Siti (per esempio, computer, smartphone, tablet, ecc.), deve assicurarsi che ciascun browser su ciascun dispositivo sia regolato per riflettere le proprie preferenze relative ai cookie. Per eliminare i cookie dal browser Internet del proprio smartphone/tablet è necessario fare riferimento al manuale d’uso del dispositivo.
I Siti utilizzano diverse tipologie di cookie ognuna delle quali ha una specifica funzione. Il sito utilizza i cookie per rendere la navigazione più semplice e per meglio adattare sia le pagine caricate che i propri prodotti agli interessi e ai bisogni degli utenti. I cookie possono essere usati anche per velocizzare le future esperienze e le attività degli utenti sul sito. Inoltre, sono utilizzati cookie per compilare statistiche anonime aggregate che consentono di capire come gli utenti utilizzano il sito e per migliorare la struttura e i contenuti dei Siti stessi.
Di seguito un elenco esplicativo.
Cookie tecnici
I cookie “tecnici” sono essenziali per il corretto funzionamento del sito e consentono agli utenti di navigare sul sito e di sfruttarne le caratteristiche (ad esempio consentono la memorizzazione di azioni precedenti o permettono di salvare la sessione dell’utente e/o di svolgere altre attività strettamente necessarie al funzionamento del sito).
A questa categoria appartengono anche i cookie “analitici” che aiutano a capire come gli utenti interagiscono con il sito fornendo informazioni relative all’ultima pagina visitata, il numero di sezioni e pagine visitate, al tempo trascorso sul sito e ad ogni vicenda sia emersa nel corso della navigazione, come ad esempio un messaggio di errore, e aiutano a comprendere ogni difficoltà che l’utente incontra nell’utilizzo del sito. Queste informazioni potrebbero essere associate a dettagli dell’utente quali indirizzo IP, dominio o browser; tuttavia, vengono analizzate insieme a informazioni di altri utenti in modo da non identificare un determinato utente rispetto all’altro. Questi cookie vengono raccolti e aggregati in forma anonima e consentono al gestore del sito di migliorare l’usabilità del sito.
Infine, i cookie di “funzionalità” permettono al sito di ricordare le scelte dell’utente (per esempio il nome utente) per fornire a quest’ultimo una navigazione più personalizzata ed ottimizzata. I cookie funzionali non sono indispensabili al funzionamento dei Siti, ma ne migliorano la qualità e l’esperienza di navigazione. Se non si accettano questi cookie, la resa e la funzionalità del sito potrebbero risultare inferiori e l’accesso ai contenuti del sito potrebbe risultare limitato.
Cookie di profilazione
I cookie di “targeting” o di “profilazione” sono utilizzati per presentare contenuti più adatti all’utente e ai suoi interessi. Possono essere utilizzati per visualizzare pubblicità mirate, per pubblicare inserzioni pubblicitarie personalizzate in base agli interessi dell’utente o per limitare il numero di volte che l’utente visualizza una pubblicità. Inoltre, aiutano a misurare l’efficacia delle campagne pubblicitarie sul sito; il gestore del sito potrebbe usare questi cookie per ricordare i siti che l’utente ha visitato e condividere queste informazioni con terze parti, incluse agenzie e inserzionisti che potrebbero usare i loro cookie per raccogliere informazioni sulle attività che compiute dagli utenti sul sito.
I cookie di “condivisione” (o di social network) sono necessari per permettere all’utente di interagire con i Siti attraverso il proprio account social e servono, ad esempio, per esprimere un apprezzamento e per condividerlo con i relativi contatti social.
Il sito utilizza o può utilizzare, anche in combinazione tra di loro, cookie:
– di “sessione” che vengono memorizzati sul computer dell’utente per mere esigenze tecnico-funzionali, per la trasmissione di identificativi di sessione necessari per consentire l’esplorazione sicura ed efficiente del sito; essi si cancellano al termine della “sessione” (da cui il nome) con la chiusura del browser;
– “persistenti” che rimangono memorizzati sul disco rigido del computer fino alla loro scadenza o cancellazione da parte degli utenti. Tramite i cookie persistenti gli utenti che accedono ai siti (o eventuali altri utenti che impiegano il medesimo computer) vengono automaticamente riconosciuti a ogni visita. Cookie di terza parte
Quando un utente utilizza il sito, è possibile che vengano memorizzati alcuni cookie non controllati dal gestore del sito. Questo accade, per esempio, se l’utente visita una pagina che contiene contenuti di un sito web di terzi. Di conseguenza, l’utente riceverà cookie da questi servizi di terze parti. Sui cookie di terza parte il gestore del sito non ha il controllo delle informazioni fornite dal cookie e non ha accesso a tali dati. Queste informazioni sono controllate totalmente dalle società terze secondo quanto descritto nelle rispettive privacy policy.
La tabella che segue riporta i cookie di terza parte presenti sul sito. Questi ultimi ricadono sotto la diretta ed esclusiva responsabilità del gestore terzo e sono suddivisi nelle seguenti macro-categorie:
– Analitici: sono i cookie utilizzati per raccogliere e analizzare informazioni statistiche sugli accessi/le visite al sito web. In alcuni casi, associati ad altre informazioni quali le credenziali inserite per l’accesso ad aree riservate (il proprio indirizzo di posta elettronica e la password), possono essere utilizzate per profilare l’utente (abitudini personali, siti visitati, contenuti scaricati, tipi di interazioni effettuate, ecc.).
– Widgets: Rientrano in questa categoria tutti quei componenti grafici di una interfaccia utente di un programma, che ha lo scopo di facilitare l’utente nell’interazione con il programma stesso (a titolo esemplificativo sono widgets i cookie di Facebook, Google+, Twitter).
– Advertising: Rientrano in questa categoria i cookie utilizzati per erogare servizi pubblicitari all’interno di un sito.
Se l’utente non desidera ricevere cookie di terze parti sul proprio dispositivo potrà, attraverso i link di seguito riportati, accedere alle informative e ai moduli di consenso di dette terze parti ed escluderne il ricevimento.
Questi cookie non vengono controllati direttamente dal Sito, pertanto, per revocare il consenso è necessario fare riferimento ai siti internet delle terze parti oppure fare riferimento al sitohttp://www.youronlinechoices.com/it/ per ottenere informazioni su come poter eliminare o gestire i cookie in base al browser utilizzato e per gestire le preferenze sui cookie di profilazione di terza parte.
CookieUtilizzo primarioProfilazioneLuogo trattamento / Privacy policy
Google AnalyticsAnaliticiSiLuogo del trattamento : USA – Privacy Policy – Opt-out
FacebookWidgetsSiLuogo del trattamento : USA – Privacy Policy
TwitterWidgetsSiLuogo del trattamento : USA – Privacy Policy
Google+WidgetsSiLuogo del trattamento : USA – Privacy Policy
Google AdsenseAdvertisingSiLuogo del trattamento : USA – Privacy Policy – Opt-out
DoubleclickAdvertisingSiLuogo del trattamento : USA – Privacy Policy – Opt-out
PublyAdvertisingSiLuogo del trattamento : Irlanda – Privacy Policy
OxamediaAdvertisingSiLuogo del trattamento : USA – Privacy Policy – Opt-out
PayclickAdvertisingSiLuogo del trattamento : Italia – Privacy Policy – Opt-in/Opt-out
CriteoAdvertisingSiLuogo del trattamento : Francia – Privacy Policy – Opt-in/Opt-out
ReachAdvAdvertisingSiLuogo del trattamento : Italia – Privacy Policy

giovedì 30 aprile 2015

LEZIONE GRATUITA sull'IMAGING Radiologico della SPALLA


LEZIONE GRATUITA sull'IMAGING Radiologico della SPALLA. Buongiorno a tutti in attesa del corso Sull'Imaging Radiologico in Riabilitazione tenuto dal dott. Branchini Mauro a Boario Terme il 29-31 Maggio 2015


mercoledì 29 aprile 2015

Curcuma effetti anti cancro




Effetti anti-cancro sono prevalentemente mediati attraverso la regolazione negativa di diversi fattori di trascrizione, fattori di crescita, citochine infiammatorie, proteine chinasi, e altre molecole oncogenici. Si elimina inoltre la proliferazione delle cellule tumorali arrestando diverse fasi del ciclo cellulare e / o di indurre l'apoptosi. L'attuale revisione si concentra sui bersagli molecolari diversi modulati da curcumina che contribuiscono alla sua efficacia contro vari tumori umani.


Link all'articolo completo

giovedì 12 marzo 2015

Dolore al ginocchio, l'integrazione è efficace ?




Gli autori dello studio scrivono che: "condroitin solfato con glucosamina ha un'efficacia comparabile a

 celecoxib nel ridurre il dolore, rigidità, limitazione funzionale e gonfiore / effusione dopo 6 mesi nei 

pazienti con osteoartrosi dolorosa del ginocchio, con un buon profilo di sicurezza. "


Link all'articolo

lunedì 2 marzo 2015

Il Dott. Howard Shubiner spiega come il dolore cronico possa essere devastante

Il Dott. Howard Shubiner spiega come il dolore cronico possa essere devastante ma che a volte non è come sembra. Il dolore può essere causato da danni ai tessuti ma spesso le persone soffrono senza avere un danno. Il dolore è prodotto dalle loro vie nervose come spiegato nel video. Stress ed emozioni legate ad eventi stressanti possono produrre vie nervose di dolore, fatica, insonnia, ansia e depressione. Ma fortunatamente questi eventi possono essere reversibili. 
Traduzione a cura di Vigliano De Cupis e Daniele Matarozzo in accordo col Dott. Shubiner.


Cerca nel blog

Caricamento in corso...